Posts in "Lifestyle" Category — Page 2

L’orto va in città

orto città

Nuove forme di agricoltura urbana per un futuro migliore

Il fenomeno della migrazione della popolazione dalla campagna verso la città è un trend che ha visto alti e bassi ma, attualmente, oltre il 50% della popolazione mondiale vive in contesti urbani. Si è trattato di una vera e propria fuga dalle zone rurali, iniziata con la prima rivoluzione industriale alla fine del Settecento del secolo scorso, e proseguita costantemente senza mai arrestarsi.

Continua a leggere0

IL COHOUSING: condividere la scelta di condividere.

cohousing

Negli ultimi anni, anche in Italia si stanno affacciando esperienze di condivisione di idee, esperienze, competenze, risorse, spazi… di lavoro e di vita.

In epoca di sharing-economy, termini come Car-Sharing, Car-Pooling, Co-Marketing, Co-Working, Co-Housing sono diventati familiari, soprattutto nelle nostre città, accentuati anche dalla necessità di fare squadra e darsi una mano reciprocamente per far fronte alla difficoltà generate dalla difficile congiuntura economica.

Continua a leggere2

Costruire … senz’ acqua!

costruire senza acqua

Da qualche tempo, sempre di più, si sente parlare di costruzioni “a secco”. Se ne parla non solo tra i professionisti delle costruzioni ma anche tra i non addetti ai lavori, nei contesti generalisti tra i più vari.

Per sistemi costruttivi a secco si intendono tutte quelle tecnologie che prevedono l’assemblaggio di componenti, strutturali e non, realizzato mediante giunzioni di tipo meccanico (viti, chiodi, incastri, perni, saldature, bulloni ecc…) senza l’impiego di materiali “bagnati”, come getti, impasti, malte o altro che necessiti di un periodo di essiccazione, presa e maturazione.

Continua a leggere1

Green with view

Green with view

Ristrutturazione di attico in centro storico, con parquet bioecologico certificato FSC, vernici e impregnanti a base di terpene di agrumi, calce, ossidi, terre, caseina e altri leganti naturali derivati da uova e pesce, calci idrauliche, pigmenti naturali. Impianto radiante a pavimento e parete, illuminazione con lampade a led e fluorescenti, materiali traspiranti, isolamenti in lana di pecora e fibra di legno.
150 mq con 75 mq di terrazzi, al terzo e ultimo piano di edificio storico a pochi metri dal Duomo.

Continua a leggere0

Città Green: Stoccolma

Stoccolma

Quando le persone, l’ambiente naturale e l’ambiente costruito sono in equilibrio.

Quest’estate sono stato a Stoccolma, terza tappa di un viaggio tra le città nordiche che vantano altissimi standard in materia di sostenibilità, e ti racconto le mie impressioni di viaggiatore con gli “occhi verdi”.

La prima impressione che si ha arrivando è la totale mancanza di stress tra la gente. Non si vedono scene isteriche nel traffico, non si sentono schiamazzi e urla di giovani in branco, non si viene assaliti da mendicanti e venditori abusivi, non si ricevono spintoni sui mezzi pubblici, non cè calca nei musei, nelle biglietterie, nelle stazioni, ecc…

Continua a leggere0

Edificio Malato?…No grazie!

edificio malato

Cos’è la Sick Building Syndrome?

Quando si può considerare “malato” un edificio? Quali sono i sintomi? E soprattutto, quali le terapie?

Non essendo l’edificio un essere animato, bisogna riferirsi agli esseri viventi che lo abitano e considerarli soggetti spia, cartine di tornasole, sentinelle. In altre parole, dall’analisi delle patologie e dei malesseri degli abitanti è possibile risalire alle cause, e quindi alle situazioni di criticità ambientali da rimuovere.

Continua a leggere1

Digito E . R . G . O . Sum

digito ergo sum

Non basta più pensare… devi essere digitale!

Il caro Cartesio nel 1637 coniò la famosa frase Cogito ergo Sum per affermare il potere del pensiero sull’esistenza di ciascuno di noi. Erano gli anni in cui si gettavano le basi filosofiche della scienza moderna, basata sulla fiducia assoluta nel pensiero.

Oggi dopo alcuni secoli ci siamo resi conto di come tale eccesso di fiducia nel pensiero, e il riduzionismo scientifico che ne è derivato, abbiano prodotto non pochi danni alla società e all’essere umano, in qualche modo… disumanizzandolo.

Continua a leggere0